Area portuale: modificato il sistema di raccolta rifiuti - Comune di Cesenatico (FC)

archivio notizie - Comune di Cesenatico (FC)

Area portuale: modificato il sistema di raccolta rifiuti

 
Area portuale: modificato il sistema di raccolta rifiuti
A seguito delle verifiche effettuate su persistenti versamenti, abbandoni e conferimento errato dei rifiuti all’interno degli scarrabili siti nell’area portuale ed in vista della futura sistemazione dell’isola ecologica interrata posta accanto al mercato ittico, l’Amministrazione comunale, con la collaborazione della Capitaneria di Porto, della Cooperativa Pescatori e degli operatori del settore ittico (incontrati nelle scorse settimane) ha deciso di modificare l’attuale meccanismo di raccolta dei rifiuti.Nella giornata di ieri, lunedì 21 agosto, sono stati eliminati i tre scarrabili presenti nell’area in cui erano continui gli episodi di inciviltà, con abbandoni di rifiuti di ogni genere, e sono stati introdotti, all’interno delle aree di pertinenza delle pescherie, bidoni dedicati con chiave.Una scelta che va nell’ottica di una raccolta porta a porta del settore ittico, che garantisca la raccolta differenziata ed eviti l’errato sversamento dei rifiuti.Soddisfatto l’Assessore all’Ambiente Valentina Montalti commenta: “ Le aree in cui erano presenti gli scarrabili sono sempre state oggetto di abbandoni, versamenti impropri anche da parte di operatori al di fuori del settore. La situazione non era più sostenibile e confidiamo di aver trovato una soluzione, anche se in fase sperimentale, al problema. Mi preme ringraziare – continua l’Assessore – la Cooperativa Pescatori nelle figure del Presidente Arnaldo Rossi e del Segretario Mario Drudi per il costante impegno nella risoluzione delle problematiche portuali. Fondamentale inoltre il prezioso apporto della Capitaneria di porto e ringrazio il Comandante Tenente di Vascello Stefano Luciani, nell’aver coordinato i controlli. Infine un ringraziamento agli operatori che sono parte attiva del sistema e alla disponibilità di Hera impegnata nello studio di una possibile soluzione.”

Pubblicato il 
Aggiornato il