Educazione alla cittadinanza: parte la raccolta firme - Comune di Cesenatico (FC)

archivio notizie - Comune di Cesenatico (FC)

Educazione alla cittadinanza: parte la raccolta firme

 
Educazione alla cittadinanza: parte la raccolta firme

 

COMUNICATO STAMPA

Educazione alla cittadinanza: parte la raccolta firme
Da Lunedì in Comune si raccolgono le firme per la proposta di legge

 

Il Sindaco Gozzoli si unisce alla mobilitazione che coinvolge tanti Sindaci delle città italiane nel promuovere la proposta di legge di iniziativa popolare per introdurre l’ora di educazione alla cittadinanza, come materia curricolare, nelle scuole di ogni ordine e grado.
È lui il primo firmatario, insieme a Beatrice Zoffoli, consigliere comunale e insegnate e Daniele Grassi, Presidente Commissione Scuola e, a sua volta, insegnate.
Si tratta di un’importante iniziativa promossa dall’Anci a cui aderisce, con convinzione, anche il Comune di Cesenatico, come altri Comuni della zona.
L’obiettivo principale è quello di far conoscere agli studenti, fin dai primi anni di scuola, i principi fondamentali della Costituzione, di educazione civica, insegnare loro un maggiore rispetto per le norme di comportamento e per il bene di tutti, aumentare la loro consapevolezza circa il diritto alla legalità e al rispetto dell’ambiente.
Per depositare la proposta in Parlamento sarà necessario raccogliere cinquantamila firme in sei mesi. Il Comune di Cesenatico si impegna a raccogliere entro i prossimi 5 mesi più firme possibili.
Per chiunque sia interessato a sottoscrivere la proposta di legge, sarà quindi possibile, da Lunedì 6 agosto, recarsi in Comune presso l’ufficio URP (mattino:dal lunedì al venerdì ore 8.30 – 13.00 – sabato ore 10.00 – 12.00; pomeriggio: giovedì  ore 15.30 – 17.00) munito del proprio documento di identità.
“Ritengo che l’introduzione nelle scuole dell’ora di educazione alla cittadinanza – commenta il Sindaco Gozzoli –  sia un passo avanti nell’educazione dei nostri giovani che diventeranno così cittadini consapevoli e informati. Imparare a rispettare i beni della comunità, conoscere le basi dell’educazione civica deve tornare ad essere una priorità nelle nostre scuole, poiché è anche tra i banchi che i ragazzi imparano ad essere cittadini rispettosi delle Istituzioni e consapevoli delle regole di buona cittadinanza.”


Pubblicato il 
Aggiornato il