Il Comune di Cesenatico rimborsa le famiglie di bambini e studenti - Comune di Cesenatico (FC)

archivio notizie - Comune di Cesenatico (FC)

Il Comune di Cesenatico rimborsa le famiglie di bambini e studenti

 
Il Comune di Cesenatico rimborsa le famiglie di bambini e studenti

Il Comune di Cesenatico tende la mano alle famiglie della città che hanno dovuto fronteggiare, sotto diversi aspetti, l’emergenza sanitaria con la Giunta che ha deliberato la restituzione delle rette e delle tariffe per i servizi scolastici di cui gli studenti non hanno potuto usufruire. “So che molte famiglie attendevano questa decisione e siamo felici di essere riusciti a renderla ufficiale proprio in questi giorni in cui si sarebbe dovuto concludere l’anno scolastico. Siamo vicini a tutti gli studenti e ai loro genitori e abbiamo voluto compiere questo gesto concreto proprio per dimostrare che il Comune di Cesenatico sta facendo tutto il possibile per aiutare i cittadini in questo momento difficile”, commenta il Sindaco Matteo Gozzoli. “Non sono stati mesi facili e come amministrazione abbiamo preso questa decisione per sostenere le famiglie del nostro territorio e far vedere che siamo al loro fianco fino alla fine in questo anno scolastico così particolare”, conclude l’Assessore con delega alla Scuola Emanuela Pedulli.

Il rimborso

Il Comune ha adottato criteri precisi per il rimborso trovandosi davanti a rette e tariffe che vengono pagate, nella maggior parte dei casi, su base annuale. Per quanto riguarda i Servizi di nido d’infanzia ( Piccolo Mare e Arcobaleno) è stato previsto un rimborso del 25% della retta relativo al mese di febbraio e della totalità invece in relazione a marzo, aprile, maggio e giugno. Per quanto riguarda invece i servizi di trasporto scolastico e i servizi di pre e post scuola il Comune rimborserà alle famiglie 4/9 della quota versata, dunque i mesi di marzo, aprile, maggio e giugno. 

Le mense

Per quanto riguarda le mense scolastiche l’amministrazione ha già provveduto all’emissione di titoli di pagamento recapitati alle famiglie per quanto riguarda il periodo dall’inizio dell’anno scolastico fino al 23 febbraio scorso.


Pubblicato il 
Aggiornato il